La nuova legge sui seggiolini auto dovrebbe essere operativa entro la fine dell’anno

Dopo l’approvazione della norma che prevede l’obbligo di installazione, nei seggiolini, di dispositivi di allarme atti a prevenire l’abbandono di bambini in auto, avvenuta lo scorso 25 settembre, è iniziato il countdown che dovrebbe portarla alla completa operatività.
La legge è molto importante, in quanto prevede l’utilizzo di appositi dispositivi di allarme, volti a prevenire l’abbandono dei piccoli con meno di 4 anni nei veicoli chiusi, che anche nel recente passato hanno causato diverse tragedie che hanno notevolmente colpito l’opinione pubblica. Proprio per evitare il ripetersi di simili episodi, è stato così approntato un provvedimento che impone l’introduzione a bordo del veicolo di un allarme che ha la funzione di suonare al fine di rammentare al guidatore prima che esca la presenza di un bebè a bordo.
La definizione delle caratteristiche di questi dispositivi sarà oggetto a sua volta di un decreto il quale dovrà essere emanato a cura del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti entro un termine massimo di 60 giorni, a partire dal quale i costruttori avranno poco più di sei mesi per adeguare la loro produzione alla nuova norma. L’obbligo di installare i nuovi modelli di seggiolino scatterà ufficialmente entro il prossimo primo luglio unendosi ad una campagna concertata con il ministero della Salute, tesa a sensibilizzare sul tema gli italiani. La campagna, che coprirà il triennio 2019-2021, dovrà informare i nostri connazionali sul corretto utilizzo dei dispositivi oltre che sui rischi dell’amnesia dissociativa, il disturbo che viene considerato dagli esperti alla base di episodi come quelli terminati ripetutamente nel corso del tempo sulle cronache degli organi di stampa.

La richiesta del Codacons

Se il provvedimento è stato salutato con favore da più parti, le organizzazioni che raggruppano i consumatori hanno però chiesto che per andare incontro allo sforzo finanziario che dovrà essere sostenuto dalle famiglie, sia messa in campo una agevolazione da parte del governo, sotto forma di un bonus da scontare sul prezzo di acquisto. Una richiesta che sembra aver trovato terreno fertile nell’esecutivo, ove si starebbe pensando di stanziare 200 euro a favore dei consumatori che adotteranno i nuovi dispositivi.
Proprio in considerazione della obbligatorietà di installazione, diventa perciò importante cercare di capire anche alla luce delle nuove norme quale possa essere il prodotto più indicato su cui puntare. Il modo migliore per farlo e trovare magari occasioni è quello di consultare i siti online che trattano l’argomento, in particolare questa pagina, ove si indicano i prodotti e le marche in grado di offrire il massimo di sicurezza alle famiglie.