Monopattino elettrico come risposta ai problemi del traffico?

Come è ormai noto, molti centri urbani sono ormai gravati da enormi problemi derivanti dall’accesso di un numero spropositato di automobili, per la maggior parte della giornata. Problemi tali da rallentare la circolazione e impedire la mobilità a favore di chi ad esempio deve spostarsi per raggiungere il proprio posto di lavoro o la scuola. Oltre a dare vita ad un inquinamento atmosferico sempre più pericoloso per la salute dei cittadini.
Soprattutto nelle grandi città è ormai consuetudine vedere i valori rilevati dalle centraline superare i limiti oltre i quali i pericoli derivanti dall’inquinamento si innalzano in maniera esponenziale. In queste occasioni i sindaci decidono solitamente di dare vita ad ordinanze per il blocco del traffico, in modo da abbattere i valori riscontrati, ma si tratta in effetti di semplici palliativi. Gli esperti sono ormai soliti indicare in una nuova organizzazione della mobilità l’unica possibile risposta ad una situazione sempre più deteriorata. Una risposta che ad esempio alcune grandi città hanno già messo in campo, decidendo la messa al bando dei mezzi più inquinanti entro un determinato termine. Con il caso limite rappresentato da Oslo, ove già da quest’anno le auto non potranno più entrare nel centro cittadino.
Tra le possibili risposte ce n’è però una più soft, rappresentata dal monopattino elettrico, sempre più diffuso anche in Italia, ove nel solo 2017 ne sono stati venduti oltre 40mila esemplari. Andiamo a vedere perché.

Monopattino elettrico: dagli USA arriva la rivoluzione

Il monopattino elettrico sta diventando un vero e proprio fenomeno di costume. Negli USA questo mezzo è sempre più utilizzato e ha dato vita ad una nuova occasione economica per i più intraprendenti, che hanno dato vita a compagnie le quali mettono a disposizione questi mezzi non senza prima averli connessi ad una app in grado di seguirne ogni spostamento. Tanto da aver dato vita ad una vera e propria figura professionale, il recuperatore di monopattini, che provvede a ritirarli dai clienti e a ricaricarli.
In Italia, come già ricordato, sono stati venduti molti modelli negli ultimi anni, nonostante la strettoia normativa derivante dalla mancanza di leggi in grado di regolarne la circolazione. Le leggi sembra però che stiano arrivando e sono in molti a prevedere nell’immediato futuro la diffusione sempre più larga del monopattino elettrico come metodo di mobilità all’interno delle città.
Chi intanto abbia intenzione di acquistarne uno, può iniziare a rendersi conto delle proposte di mercato sui tanti siti online che offrono una panoramica del settore, in grande effervescenza proprio in considerazione del fatto che molte imprese hanno già fiutato l’affare e iniziato a produrre modelli sempre più efficienti e modaioli.